....................................................

                                          

                                                                                                                                

 

 

                                                                                                                                                                                      All’Assessore ai LL.PP. del Municipio XIII                                                                                                                                                        

                                                                              Ing. Paolo Solvi

                                                                              Al Dirigente U.O.A.L.

                                                                              Arch. Caterina Ferraro Pelle

                                                                              Al XIII Gruppo P.M.                                                                                                                                                                                  Responsabile per U.I.T.S.

 

                                                                                                                                                                                 Associazione C.A.S.A.

 

                                                                                                                                                                                 Associazione Ostia in Bici

 

                                                                                                                                                                                 Associazione Ostia che Cammina

 

                                                                                                                                                                                 Associazione Città in bici

 

                                                                                                                                                                                Al Coord. Comitati di Quartiere Ostia

 

                                                                                                                                                                                Al Coord. Comitati di Quartiere Entroterra

 

                                                                                                                    

 e p.c.               Al Presidente del Municipio XIII

                                                                                                                                                                                 Paolo Orneli

 

Oggetto: Convocazione riunione Gruppo di Lavoro per la Mobilità Sostenibile.

 

 

                                     Si convoca  la riunione del gruppo in oggetto per il giorno 17/01/2007 alle ore 17,00 presso i locali di questo Assessorato in Viale del Lido, 6.

 

  Agli uffici in indirizzo si chiede di essere presenti o di inviare un delegato qualificato per l’argomento in oggetto, con la eventuale relativa documentazione in possesso attinente l’Ordine del Giorno integrata da adeguate planimetrie.

 

  All’Ordine del Giorno sono in discussione i seguenti punti:

 

1)      Domeniche Ecologiche del Municipio XIII;

 

2)      Piano parcheggi e lavori stradali;

 

3)      Progetti piste ciclabili;

 

4)      Piano Cittadino di Sostegno, integrazione fondi;

 

5)      Varie ed eventuali;

 

                                                         Cordiali saluti                                                                                                                                                                                                                                                      Paolo Stellino

 

(Documento inviato per la richiesta di un nuovo treno in partenza dalla stazione di Acilia la mattina nell'ora di punta, tra le 7,30 e le 8,30)

Spett.Le

                                                                                              Ass.re ai Trasporti

                                                                                              Mauro Calamante

                                                                                              Comune di Roma

 

 

Roma, 20 settembre

 

Oggetto: aggiunta di un treno sulla Roma Lido in partenza da Acilia

 

Il coordinamento dei comitati di quartiere dell’entroterra è molto soddisfatto delle nuove notizie provenienti dal suo assessorato sull’aumento dei vagoni a disposizione per la Roma Lido.

Da anni ci interessavamo a questo e vorremo poter segnalare anche la necessità di un secondo treno in partenza dalla stazione di Acilia  la mattina nelle ore di punta,per dare  la possibilità ai cittadini di Acilia e dintorni,di viaggiare più comodi in quanto i treni provenienti da Ostia sono sempre colmi, per questo motivo i pendolari dell’entroterra non posso usufruirne se non in condizioni disagiate. Sappiamo che ciò è possibile grazie all’aumento dei vagoni.

Certi di un suo riscontro voglia accettare i nostri distinti saluti.

                                                                                   Il Presidente

                                                                                   Nicola Zahora

 

             Oggetto parcheggio stazione di Acilia

 

 

Il  coordinamento dei C.d. Q.  entroterra XIII  municipio, da tempo si stà interessando dell’area riservata a parcheggi  antistante  alla stazione di Acilia ,pur sapendo che da tempo ci soldi stanziati sia dal comune che dalla regione i lavori non partono .

Al riguardo  il coordinamento  chiede un incontro con i capi gruppi ( maggioranza) della  Regione Lazio  per un definitivo chiarimento .

 

                                  Certi di una Vostra convocazione  Vi  salutiamo distintamente.

 

 

 

                                                                       Presidente   Coordinamento C.di Q.

                                                                          Entroterra XIII° Municipio

                                                                                 Nicola Zahora

         Roma 15/11/2005

                                                                                                                                

 

 

Roma, 8 ottobre 2005

 

CENTRO PER LA PROMOZIONE DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE E PER L’INTERMODALITÀ

 

Sono Presenti : Vittorio Parola, Aldo Feci e Vittorio Ferrara per “Roma Mediterranea”, Giorgio Bertusi per AssHotel Ostia, Claudio Zolesi per “Città in bici”, Alemanno Barsocchi e Franco Pranzo per “Ostia in bici”, Cafiero Celestini per “Ostia che cammina”, Nicola Zahora e Luigi Ranieri per “Coordinamento entroterra”, Maurizio Cursi per “Intercomitato XIII/ Trasporti”

 

 

Vittorio Parola ha illustrato la nota introduttiva elaborata dal consulente dell’Associazione Prof. Gerardo Marletto, docente di Economia dei trasporti al Politecnico di Milano e all’Università di Tor Vergata, il quale si è scusato per non aver potuto intervenire alla riunione per rilevanti motivi famigliari.

 

IL MEDITERRANEO: LA MOBILITA’ SOSTENIBILE COME OPPORTUNITA’ DI SVILUPPO

 

1.   L’unicità di Ostia e del suo Municipio

 

Nella presentazione del convegno Ostia2015, il sindaco Veltroni ha posto come obiettivo per lo sviluppo del litorale i modelli di Lisbona, Barcellona, Rio de Janeiro.

 

In realtà Ostia e il suo territorio rappresentano una realtà  unica a livello non solo nazionale, ma anche internazionale. Roma infatti non è una città portuale (come Napoli, Genova o, appunto, Barcellona) e non è neanche una città di mare, votata al turismo balneare (come Rimini, Viareggio o Rio).

 

E’ infatti Ostia ad avere direttamente un rapporto col mare, sedimentato su una storia che affonda le radici nel lontano passato ed ha ritrovato un proprio sviluppo significativo nel corso del XX° secolo. Il rapporto tra Roma e il mare passa dunque per Ostia e per il suo territorio, ormai ricco e articolato. Un rapporto che presenta in modo intenso sia i connotati dell’interdipendenza che quelli dell’autonomia.

 

2.   La complessità della mobilità di Ostia e del suo Municipio

 

La specificità della realtà di Ostia e la particolarità dei suoi rapporti col resto della città si riflette anche sulla domanda di trasporto che questo territorio esprime.

 

Il XIII° municipio è infatti contemporaneamente:

-         un bacino con forte interdipendenza con l’area centrale di Roma, che genera di conseguenza una domanda di spostamenti pendolari dalle caratteristiche tipiche di un hinterland metropolitano;

-         una realtà ormai multipolare, capace ormai di generare consistenti flussi di spostamenti al suo interno, tra le aree residenziali vecchie e nuove e da queste agli attrattori di servizio (tra cui spiccano per novità il Cineland e il porto turistico);

 


 

-         un centro balneare, con le opportunità e le criticità tipiche di un’area turistica prossima ad una grande metropolitana, cui si somma la necessità e la difficoltà di preservare risorse naturali di pregio: il sistema delle pinete e il sistema mare-fiume-canali.

 

Ogni tentativo di ammodernamento delle infrastrutture e dei servizi di trasporto deve dunque tenere conto di questa molteplicità di aspetti, evitando di dare attenzione esclusiva o prevalente alla sola questione dei flussi tra il litorale e la città e alla loro crescente congestione. Senza alcuna sottovalutazione dell’importanza che riveste ogni miglioramento del trasporto pubblico e della viabilità come l’intensificazione delle corse del trenino, la sua trasformazione in metropolitana di superficie e l’urbanizzazione e la messa in sicurezza della Via del Mare.

 

Tuttavia, fra l’altro, la non adeguata considerazione di tutte e tre le componenti della domanda di mobilità avrebbe anche l’effetto di limitare l’efficacia degli interventi sulle direttrici città-litorale, che soffrirebbero di una insufficiente integrazione con tutta la domanda di trasporto espressa dal territorio.

 

3.   Dalla complessità di Ostia a uno sviluppo partecipato, duraturo e di qualità.

 

L’unicità di Ostia e le complesse criticità che essa esprime in termini di mobilità non costituiscono soltanto un problema. Certamente i pianificatori comunali, provinciali e regionali vanno stimolati a non considerare Ostia e il suo territorio come una delle tante periferie della città. Ma non è solo questo.

 

La complessità della mobilità di Ostia è infatti anche un’opportunità: innanzitutto per migliorare la qualità della vita dei cittadini che vi abitano; poi per rendere sostenibile il rapporto tra consumo turistico e risorse naturali; infine per generare proprio in questo territorio uno sviluppo duraturo centrato proprio sulla riprogettazione del sistema di trasporto.

 

Ostia e il suo territorio possono infatti diventare un’area, prima di sperimentazione e poi di sviluppo:

-           di soluzioni trasportistiche innovative: gli autobus a domanda nelle zone meno densamente abitate, la bicicletta come modalità di trasporto da integrare con la rete autobus e treno, i veicoli a idrogeno per servire la domanda lungo il litorale; sono d’altronde queste le scelte intermodali che si stanno imponendo a livello europeo. Il comune di Roma in Italia, la città di Malaga in Spagna, il comune di Atene in Grecia, il Marocco come paese terzo, coordinati dalla Regione Lazio stanno portando avanti un progetto integrato europeo di mobilità finalizzato a ridurre l'inquinamento ambientale. chiamato progetto 'Emissione zero'. Tra le zone interessate vi è l’asse Ostia – Fiumicino; un’altro progetto rilevante finanziato dall’Unione europea la Cycle route network of Mediterranean per lo sviluppo di una rete di mobilità bici + treno + nave + aereo fa parte di un progetto où ampio denominato Eurovelo che prevede 12 piste ciclabili che attraversano tutta l’Europa geografica per un totale di 60.000 chilometri.).

-         di pianificazione partecipata della mobilità, rompendo con la tradizione delle soluzioni chiuse che vengono dalle amministrazioni e aprendo invece un processo partecipato che assegni un ruolo decisionale innanzitutto alla cittadinanza e valorizzi la ricchezza di proposte che può venire dal mondo associativo locale.

Un nuovo sistema di mobilità per Ostia e il suo territorio, capace di riqualificare il territorio e la sua attività turistica, è dunque l’obiettivo di breve-medio termine.

 

Ma la complessità della mobilità di Ostia può essere anche la base di partenza per costruire una vera e propria base produttiva, a forte valenza tecnologica e con rilevanti ricadute in occupazione di qualità. A lungo termine si deve dunque puntare a trasformare le capacità acquisite in esperienze produttive radicate localmente, puntando ad esportare in altre realtà le soluzioni qui sperimentate e adottate.

 

Per farlo ci si deve però occupare di mobilità non pensando solo al trasporto; occorre infatti intervenire anche sui fronti:

-         della formazione e della ricerca, cominciando a costruire le fondamenta di un centro di eccellenza per la mobilità sostenibile nelle città di mare, che punti ad essere uno dei nuclei del futuro insediamento dell’Università;

-         delle relazioni nazionali e internazionali, avviando la costruzione di una rete di rapporti con realtà urbane e centri di ricerca che hanno sviluppato un’autonoma capacità d’intervento sui temi della mobilità, a partire da quelli che si affacciano sulle altre sponde del Mediterraneo;

-         dell’imprenditorialità, appoggiando le sperimentazioni e le soluzioni trasportistiche sulla creazione di nuove imprese – eventualmente in partnership con soggetti esterni alla realtà locale – capaci di generare nel territorio reddito e occupazione.

 

La sperimentazione di soluzioni locali, associata ad un’originale capacità di ricerca e di cooperazione anche internazionale, sono del resto le condizioni tipiche delle esperienze di sviluppo di qualità e duraturo.

             Sono d’altronde queste le scelte fatte da altre regioni italiane in particolare la Campania e la Puglia. La Campania ha dato origine a Logica, una Agenzia per la promozione della logistica e del trasporto merci, La Puglia ha costituito un Assessorato specifico per il Mediterraneo. Un’Agenzia regionale del Lazio per la mobilità sostenibile e per l’intermodalità, potrebbe essere una scelta oggi matura. Lazio e Campania nello spirito di “crescere cooperando” potrebbero costituire un’area forte della logistica mediterranea.

 

E’ quindi iniziata la discussione. Molti interventi hanno lamentato lo stato di gravità ed emergenza che riguarda lo stato dei trasporti nel XIII Municipio sia per quanto riguarda il collegamento con il centro di Roma sia per la rete interna carente o mancante. Una forte critica è venuta inoltre agli Amministratori pubblici per l’interesse rivolto alle attività balneari e diportili,  che occupano al più il 5% della popolazione di fronte ad un relativo disinteresse per l’altro 95% della popolazione dedita ad altre attività, che spesso è costretta a vivere in zone abitative caratterizzate da condizioni incivili (stato delle strade e dei marciapiedi, dei giardini, mancanza di manutenzione degli edifici pubblici e così via). Grande è inoltre la preoccupazione per i nuovi insediamenti previsti nel territorio che senza adeguati e rapidi interventi sono destinati a rendere insostenibile ogni possibile forma di mobilità. (Nicola Zahora, Claudio Zolesi, Franco Pranzo, Cafiero Celestini, Maurizio Cursi)

In molti interventi è stato inoltre lamentato il modo con cui il Campidoglio affronta i temi del trasporto litoraneo. Roma non sente di essere una città di mare, sottovaluta quindi la via fluviale, le possibilità offerte dalle vie del mare o dalla navigabilità dei canali. Dalle Associazioni dei ciclisti e dei pedoni è emersa una forte protesta per la sottovalutazione delle piste ciclabili e della bicicletta come mezzo di trasporto, da cui la mancanza di parcheggi di scambio per l’accesso alle stazioni, e dall’ingombro dei marciapiedi che vengono spesso occupati senza permettere il passaggio dei pedoni. E’ stato citato come emblematico il dimensionamento sotto le norme di legge del marciapiede e della pista ciclabile nella nuova Passeggiata a mare di Ostia Nuova per far posto ai parcheggi. ( Giorgio Bertusi, Alemanno Barocchi )

Infine Vittorio Ferrara, riferendosi alla nota introduttiva, ha rilevato come ormai fra Roma Centro ed Ostia vi sia una continuità di quartieri che sono fra loro mal collegati e come vi sia la necessità di una via urbana che permetta ad essi di evitare l’isolamento. Quale migliore occasione se non l’urbanizzazione e la messa in sicurezza della via del Mare? Di fronte ai costi proibitivi di cui si parla, 500 milioni, è possibile ricorrere ad un sistema di rotonde, ( un progetto  presentato agli organi competenti senza aver avuto un’adeguata risposta ) molto più economico, come avviene in tante città di mare a cominciare da Barcellona e Malaga. Questo sistema d’altronde permetterebbe di collegare tutti i quartieri e di avere una via a scorrimento abbastanza veloce. Infine Luigi Sorti ha sottolineato l’esigenza che nell’affrontare i temi della mobilità sostenibile si tenga conto del quadro d’insieme relativo al Mediterraneo e quindi delle relazioni strette che intercorrono fra la Città Mediterranee fin dall’antichità a cominciare da Cartagine, Leptis Magna, ecc. A questo proposito Aldo Feci ha proposto l’avvio di una ricerca sulle altre città del mare e sulle iniziative programmate dal Comune di Roma per il territorio litoraneo. Appena in possesso di dati significativi occorrerà promuovere un Convegno che metta insieme società civile, istituzioni e mondo economico.

Vittorio Parola concludendo ha preso atto delle difficoltà esistenti e della complessità del lavoro che attende il Centro per la promozione della mobilità sostenibile e dell’intermodalità di “Roma Mediterranea” e si è riservato di aggiornare la nota introduttiva in base alla discussione effettuata, di portare a conoscenza la stessa assieme al presente verbale degli organi e delle istituzioni competenti, infine di presentare un primo percorso condiviso di un progetto operativo in una prossima riunione da effettuare fra una ventina di giorni.

 

                                                                                                                                                                                 All’Assessore ai LL.PP. del Municipio XIII

                                                                                                                                                                                Ing. Paolo Solvi

 

                                                                                                                                                                                Al Dirigente U.O.A.L.

                                                                                                                                                                                Arch. Caterina Ferraro Pelle

 

                                                                                                                                                                                Al XIII Gruppo P.M.

                                                                                                                                                                                 Responsabile per U.I.T.S.

 

                                                                                                                                                                                 Associazione C.A.S.A.

 

                                                                                                                                                                                 Associazione Ostia in Bici

 

                                                                                                                                                                                 Associazione Ostia che Cammina

 

                                                                                                                                                                                 Associazione Città in bici

 

                                                                                                                                                                                Al Coord. Comitati di Quartiere Ostia

 

                                                                                                                                                                                Al Coord. Comitati di Quartiere Entroterra

 

                                                                                                                                             e p.c.               Al Presidente del Municipio XIII

                                                                                                                                                                                 Paolo Orneli

 

 

Oggetto: Convocazione riunione Gruppo di Lavoro per la Mobilità Sostenibile.

 

 

                                     Si convoca  la riunione del gruppo in oggetto per il giorno 17/01/2007 alle ore 17,00 presso i locali di questo Assessorato in Viale del Lido, 6.

 

  Agli uffici in indirizzo si chiede di essere presenti o di inviare un delegato qualificato per l’argomento in oggetto, con la eventuale relativa documentazione in possesso attinente l’Ordine del Giorno integrata da adeguate planimetrie.

 

  All’Ordine del Giorno sono in discussione i seguenti punti:

 

1)      Domeniche Ecologiche del Municipio XIII;

 

2)      Piano parcheggi e lavori stradali;

 

3)      Progetti piste ciclabili;

 

4)      Piano Cittadino di Sostegno, integrazione fondi;

 

5)      Varie ed eventuali;

 

 Cordialisaluti                                                                                                                                                                                                                                                                                              Paolo Stellino

 

index.htm